Storia del Gruppo

 

 

 

IL GRUPPO TEATRALE  

Il Gruppo Teatrale del Pentagono nasce nell’anno 1990 da cinque “personaggi” amanti dell’arte e della cultura teatrale che, diretti da Pietro Affer, decidono di unirsi mettendo a frutto le personali esperienze artistiche per creare una compagnia d’avanguardia. Negli anni la compagnia subisce notevoli mutazioni: migliorano le conoscenze teatrali e si accumulano esperienze sempre più importanti, si studiando le metodologie classiche del teatro, da Brecht a Stanislavskj e si cominciano a sviluppare e portare in scena una serie di spettacoli in diversi teatri di Milano e della Lombardia. Il gruppo vince numerosi premi e mette in scena opere sempre più complesse ed importanti.
Da alcuni anni ha avuto poi inizio quella che può definirsi la “nuova era” di questa compagnia che, stanca di rappresentare solo ed esclusivamente i testi “classici o conosciuti” del teatro, vuole cambiare direzione orientandosi su un modo nuovo di fare teatro. Questa nuova voglia di misurarsi ha portato il gruppo ad affrontare opere diverse, che si allontanano dal cliché classico del teatro fatto di testi sacri, ma oramai scontati e conosciuti al pubblico. Nasce quindi l’idea di mettere in scenaNUVOLE testo difforme dal tradizionale, con un linguaggio che porta la compagnia ad affrontare un modo diverso di porsi allo spettatore.
NUVOLE” porta alla compagnia una serie impressionante di successi e premi che fanno comprendere che il cammino è quello giusto e, la messa in scena di FIGLI DELLE STELLE, ideata e scritta al nostro interno, e vincitore ancora prima della messa in scena del premio letterario internazionale “ Il convivio “
, è il naturale proseguo di un percorso intrapreso con costanza e voglia di stupire; percorso che subisce una brusca interruzione causata da un gravissimo lutto. Questa triste vicenda ci ha però resi ancora più forti e consapevoli delle nostre possibilità, e dopo circa due anni siamo riusciti a concludere la stesura di una nuova commedia, basata sempre sugli stessi principi che ci hanno riconosciuto negli ultimi anni, ma forse ancora più profonda, tagliente e sicuramente forte delle esperienze
che la vita, teatrale e non, ci ha donato. Ecco quindi che la compagnia torna in scena con  “L’ULTIMA CAREZZA (La domanda)”.
Ideata e scritta sempre nel nostro interno vince anch’essa il premio letterario internazionale “ Il convivio”. Da qui la recente trasformazione del Gruppo in THEATRE FOR FOOD , un progetto di carattere solidale a favore della Comunità. Una compagnia dunque la nostra , ricca di idee, desiderosa di apprendere, di sperimentare e di comunicare la propria voglia di “vivere”, di esprimersi in un universo di cultura e sentimento, che si sta imponendo a gran voce nel suo ambito d’azione aprendo le proprie porte a nuovi membri che, dopo percorsi personali in varie scuole e compagnie, arrivano desiderosi di cimentarsi con una compagnia in continua evoluzione.